Ipersonnia: come trattarla?

Chi sono io
Aina Martin
@ainamartin
Autore e riferimenti
Ipersonnia: come trattarla?



L'ipersonnia è una condizione del sonno in situazioni anormali. In altre parole, è troppo facile addormentarsi durante il giorno, in situazioni che la maggior parte delle persone non fa. È un sintomo che può comparire in diverse malattie o essere correlato all'assunzione di farmaci.



Il primo punto è definire cosa è normale e cosa non lo è. Qui è fondamentale il parere di chi ci vive. Dovrebbe essere assicurato che il sonno appaia in situazioni anormali.

In un secondo momento, devi conoscere la causa e decidere se vale la pena stabilire un trattamento, se è la causa o il sintomo. Per questo, è necessario svolgere ulteriori studi.


 


 

Quali sono i sintomi comuni dell'ipersonnia?

L'eccessiva sonnolenza è segnalata dalla persona e/o dalla famiglia. Esistono scale di valutazione della sonnolenza, con un punteggio limite per la normalità e intensità leggere, moderate o marcate.

Una volta segnalato dalla persona e dagli osservatori, l'entità di questa ipersonnolenza dovrebbe essere confermata.

L'eccessiva sonnolenza è un sintomo che dovrebbe essere indagato ogniqualvolta, a causa della sua frequenza o intensità, fa sospettare alla persona colpita oa chi le è vicino che il sonno non è proporzionato al riposo notturno. Poiché può essere una bandiera rossa per la presenza di altre malattie, deve essere valutato e lo studio diagnostico deve essere seguito attentamente.

 

Quali sono le cause?

L'eccessiva sonnolenza può essere causata da molteplici malattie sistemiche, malattie neurologiche o specifiche per il controllo del ritmo sonno-veglia.

Inoltre, prendendo diversi farmaci può alterare il normale stato di vigilanza e produrre una sensazione anormale di sonnolenza diurna. Pertanto, l'ipersonnia può essere classificata come secondaria (a un altro processo) o primaria-idiopatica (quando è la prima malattia).

Una volta confermata l'ipersonnia, il primo passo è eliminare i farmaci che possono causarla. Successivamente, è necessario indagare, per la presenza di altri sintomi o segni, se esiste una malattia associata che può produrre questo sintomo.

La gamma di malattie che causeranno l'ipersonnia è molto ampia; Lei va da malattie respiratorie (apnea notturna) a insufficienza respiratoria cronica con aumento di anidride carbonica (enfisema, bronchite cronica, ipoventilazione cronica), encefalopatie endocrine metaboliche diffuse (ipotiroidismo), malattie renali o epatiche, insufficienza cardiaca o tumori.



Al di sopra di molte malattie infettive locali o diffuso (sepsi, malattia del sonno, trasmessa dalla mosca tse-tse) produrrà sonnolenza, soprattutto se la febbre è alta e nei bambini o negli anziani.

Se si esclude che ci sia un'altra malattia che causa l'ipersonnia, siamo di fronte alla malattia del sonno. I sintomi più comuni in quest'area sono la narcolessia e l'ipersonnia idiopatica.

Quando la causa dell'ipersonnia non viene trovata, viene spesso definita ipersonnia idiopatica; Questa malattia in quanto tale di solito inizia anche nei giovani e ha un decorso migliore della narcolessia.

 

 

Narcolessia

La narcolessia è una malattia genetica che di solito inizia nei giovani ed è accompagnata da:

  • Attacchi di sonno improvvisi (addormentarsi in classe, sedersi, stare in piedi, guardare la televisione, in un bar).
  • Cataplessia (improvvisa perdita del tono muscolare volontario) causata da paure, risate, rumore o altri fenomeni).
  • Paralisi nel sonno (all'inizio o alla fine del sogno).
  • Allucinazioni ipnagogiche (presentazione di immagini generalmente con una sensazione di panico all'inizio del sonno).

In questa malattia, la fase del sonno REM entra molto rapidamente, in 1-10 minuti, e non dopo 50 minuti, come accade in altre persone.

 

Come viene diagnosticato?

Il metodo più comune consiste nell'eseguire lo studio Multiple Latency Test per determinare il tempo necessario per addormentarsi in 5 sonnellini separati di due ore nello stesso giorno; Questo test viene utilizzato anche per scoprire se il paziente sta entrando in REM.



Con questo test del sonno, la diagnosi di ipersonnia viene effettuata se la latenza di inizio del sonno è inferiore a 5 minuti.

Se entri nella fase REM all'inizio o entro pochi minuti dal sonno durante due o più sonnellini, la diagnosi più probabile è una condizione nota come narcolessia.

 

Come lo trattiamo?

  • trattamento

Il trattamento dell'ipersonnia sarà innanzitutto il trattamento della malattia che lo produce.

Ad esempio, nella sindrome da apnea ostruttiva del sonno, il trattamento con CPAP migliorerà la sonnolenza e la sensazione di affaticamento in modo molto sorprendente sin dal primo giorno di utilizzo del dispositivo.

L'ipersonnia sarà curata da sola solo quando ci troviamo di fronte a una malattia del sonno in cui l'ipersonnia è il sintomo di base, cioè soprattutto nella narcolessia e nell'ipersonnia idiopatica, o quando, nonostante un adeguato trattamento della malattia, la sonnolenza persiste come sintomo importante.

Nella narcolessia e nell'ipersonnia idiopatica, il trattamento per l'ipersonnia dipenderà dalla gravità del sintomo. Se è leggero, si parte con misure di tempismo, cura del sonno notturno, mantenimento di orari fissi per andare a letto e alzarsi, e un pisolino quotidiano. Puoi anche usando il caffè come stimolante. Se ciò non bastasse, è possibile utilizzare stimolanti delicati come il magnesio.

Negli ultimi 4 anni è stato introdotto sul mercato un nuovo farmaco volto a curare l'ipersonnia sia nei narcolettici che nei pazienti con ipersonnia idiopatica che sembra avere meno problemi dei derivati ​​anfetaminici.

Il suo nome è Modafinil. È un farmaco più costoso e non ha alcun effetto sugli altri sintomi della narcolessia (cataplessia, paralisi del sonno, allucinazioni). Cataplessia, allucinazioni ipnogogiche e paralisi del sonno sono state tradizionalmente trattate con due classi di farmaci antidepressivi, che includono antidepressivi triciclici e inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina.

   

Aggiungi un commento di Ipersonnia: come trattarla?
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.