Vertigini e vertigini in caso di stanchezza: perché e cosa fare?

Chi sono io
Joel Fulleda
@joelfulleda
Autore e riferimenti
Vertigini e vertigini in caso di stanchezza: perché e cosa fare?





Un disturbo dell'equilibrio provoca una sensazione di stordimento o vertigini:

  • Se sei in piedi, seduto o sdraiato, ma ancora fermo, potrebbe sembrare che ti muovi, ruoti o galleggi.

  • Se stai camminando, potresti improvvisamente sentirti come se stessi rotolando.

A tutti capita qualche breve capogiro, ma la parola vertigine può significare cose diverse per persone diverse: per alcune persone la vertigine può significare una sensazione passeggera di svenimento, mentre per altre può essere un'intensa sensazione di capogiro (la vera vertigine) che dura nel tempo .

Questo sintomo è uno dei principali disturbi per i quali gli adulti vanno dal medico. Episodi frequenti e/o costanti possono influenzare significativamente la vita di un individuo, ma solo raramente sono segni di condizioni gravi e/o pericolose per la vita.



Le possibili cause alla base del sintomo sono varie e possono includere:

  • malattie sistemiche,
  • droghe,
  • disturbi dell'orecchio,
  • disturbi del sistema nervoso.

Il trattamento dipende dalla causa e dai sintomi: di solito funziona, ma il problema può ripresentarsi e ripresentarsi.

La presenza costante di vertigini, qualunque sia la causa scatenante, ha spesso un impatto molto forte sia emotivamente che psicologicamente ed è quindi consigliato non sottovalutare o trascurare mai il sintomo.

 

Vertigini e vertigini quando si è stanchi: le cause

Si possono distinguere due forme di vertigine:

  • Vertigini soggettive, il paziente appare in movimento anche se in realtà è immobile (potrebbero però oscillare leggermente a causa del sintomo).

  • Vertigini oggettive, si ha la sensazione che l'ambiente circostante si muova.

Sulla base della struttura interessata si può piuttosto operare una macroclassificazione per:

  • Vertigini periferiche: sono causate da lesioni che possono essere collocate nell'apparato vestibolare dell'orecchio, sede del senso dell'equilibrio; di solito hanno un esordio improvviso e violento e tendono a persistere più o meno costantemente nel tempo. Il paziente descrive la sensazione come una rotazione di una giostra che ruota rapidamente, provocando così anche nausea e vomito e spesso incapace di stare in piedi.

  • Vertigine centrale: in questo caso il paziente avverte la sensazione di un'oscillazione laterale, ma l'effetto è più lieve e subisce variazioni di intensità nel tempo. Non provocano nausea.

Vertigini periferiche


Vertigini posizionali benigne

È una delle forme più comuni di vertigini; il sintomo si avverte dopo un cambiamento nella posizione della testa (sdraiarsi, girarsi nel letto, guardare in alto, chinarsi, ecc.).



È spesso accompagnata da nausea e, più raramente, vomito, dura circa 30 secondi e scompare quando la testa è ferma. Potrebbe esserci anche nistagmo (l'occhio si muove involontariamente).

È dovuto a un cristallo di otolite spostato che entra in uno dei canali di equilibrio semicircolari. La vertigine posizionale benigna colpisce più comunemente gli adulti e gli anziani, con la maggior parte dei casi che si verificano nelle persone di età superiore ai 50 anni; potrebbe non avere una causa apparente o potrebbe essere il risultato di:

  • otite,
  • chirurgia dell'orecchio,
  • un trauma cranico,
  • riposo a letto prolungato, ad esempio durante il recupero da una malattia.

Può durare giorni, settimane o mesi. Il trattamento di “riposizionamento” (manovra di Epley), effettuato da un otorinolaringoiatra, è generalmente curativo.

trauma

Una frattura del cranio che danneggia anche l'orecchio interno produce vertigini intense e invalidanti, con nausea e perdita dell'udito. I sintomi delle vertigini possono durare per diverse settimane e migliorare lentamente quando l'altro orecchio (normale) prende il sopravvento. La vertigine parossistica benigna è una conseguenza comune del trauma cranico.

In caso di capogiro a seguito di un trauma, è indispensabile consultare immediatamente un medico per valutare tutti i possibili danni.

 

labirinto

La labirintite è un'infezione o un'infiammazione dell'orecchio interno che provoca vertigini e perdita di equilibrio. è spesso associato a un'infezione delle vie respiratorie superiori, come l'influenza o il raffreddore.

Può essere accompagnato da nausea, vomito, perdita dell'udito, acufene e talvolta febbre e dolore.


 

neurite vestibolare

La neurite vestibolare è una condizione dell'orecchio interno che provoca l'infiammazione del nervo che collega il labirinto (una struttura nell'orecchio che controlla l'equilibrio) al cervello. In alcuni casi, anche il labirinto stesso può essere infiammato.


La causa è solitamente un'infezione virale, appare all'improvviso e può causare altri sintomi come

  • instabilità,
  • nausea e vomito,
  • non sentirsi bene.

Di solito non si verificano problemi di udito.

Può durare da poche ore a diversi giorni, in alcuni casi fino a sei settimane.

 

Sindrome di Ménière

È un disturbo caratterizzato da attacchi di vertigini che durano per ore, nausea e/o vomito e sensazioni sgradevoli di acufene (tinnito) nell'orecchio, che spesso si sente chiuso o pieno. Di solito coesiste anche un deficit uditivo.

La causa della sindrome di Ménière è sconosciuta, ma i sintomi di solito possono essere controllati con dieta e farmaci.

 

Vertige cervicale

L'importanza della regione cervicale nella gestione dell'equilibrio è nota e studiata da tempo, così come i disturbi associati indotti da traumi o patologie del collo.

In questi pazienti si parla di vertigine cervicogenica (o cervicale), un disturbo caratterizzato da vertigini, difficoltà di equilibrio e dolore al collo.

Questo tipo di vertigini si verifica principalmente a seguito dei movimenti del collo e può anche influenzare la capacità di concentrazione.

 

prodotti farmaceutici

Le vertigini sono un tipico effetto collaterale di molti farmaci. in caso di insorgenza durante l'assunzione di un nuovo farmaco, si raccomanda di contattare immediatamente il medico.

Tra i più comunemente associati allo sviluppo della malattia ci sono:

  • aminoglicosidi (una classe di antibiotici),
  • antinfiammatorio,
  • inibitori della fosfodiesterasi di tipo 5 (il più noto è sicuramente il Viagra®),
  • furosemide (un diuretico)
  • ...

 

Vertigini centrali

Circolazione

Le vertigini si fanno sentire quando non abbastanza sangue raggiunge il cervello.

Questo è successo praticamente a tutti occasionalmente quando ci si alza rapidamente da una posizione sdraiata (ipotensione ortostatica), ma alcune persone (soprattutto gli anziani) hanno questa sensazione frequentemente o cronicamente a causa della cattiva circolazione. 

Ciò può essere dovuto all'aterosclerosi delle arterie ed è comunemente osservato in pazienti con ipertensione, diabete o livelli elevati di grassi (colesterolo) nel sangue; a volte si trova anche in pazienti con insufficienza cardiaca, ipoglicemia (basso livello di zucchero nel sangue) o anemia (da carenza di ferro).

 

Emicrania

Alcune persone con una storia di emicrania classica possono avere attacchi di vertigini e vertigini simili alla sindrome di Ménière. Il mal di testa è solitamente ma non sempre sentito.

È una forma comune tra i giovani.

Malattie neurologiche

Anche varie malattie neurologiche, come la sclerosi multipla, la sifilide, i tumori, ..., possono avere effetti sull'equilibrio. Queste sono cause non comuni, ma il medico potrebbe voler eseguire dei test per esaminarle.

 

Neuroma acustico

Il neuroma acustico è un raro tumore benigno che colpisce il nervo acustico, quello responsabile del controllo dell'equilibrio.

 

ischemia

Un attacco ischemico transitorio o un ictus completo possono causare capogiri accompagnati da vertigini a causa dell'improvvisa riduzione dell'afflusso di sangue al cervello.

 

ansia

L'ansia può essere causa di vertigini e stordimento.

Una respirazione inconsciamente troppo frequente (iperventilazione) può essere percepita come panico manifesto o lieve capogiro con formicolio alle mani, ai piedi o al viso. Potrebbe essere necessario insegnare alla persona come respirare correttamente.

 

Allergie

Alcune persone avvertono vertigini o difficoltà di equilibrio quando vengono esposte a cibo o particelle sospese nell'aria (polvere, polline, peli di animali, ecc.) a cui sono allergiche.

 

altre cause

Tra le tante altre possibili cause di vertigini e vertigini ci sono anche:

  • fatica,
  • ipoglicemia,
  • disidratazione,
  • colpo di calore ,
  • abuso di alcool,
  • sostanze d'abuso,
  • fibrillazione atriale ,
  • avvelenamento da monossido di carbonio,
  • vertigini alle vertebre cervicali.

Fattori di rischio

I fattori che possono aumentare il rischio di soffrire di vertigini e vertigini sono:

  • Età: le persone anziane hanno maggiori probabilità di avere condizioni che causano convulsioni, in particolare viste come perdita di equilibrio. Hanno anche maggiori probabilità di assumere farmaci che possono causare vertigini.
  • Familiarità per episodi vertiginosi.
  • Episodio precedente: se ne hai sofferto in passato, aumenta la probabilità di nuovi attacchi.

 

SINTOMI

Un disturbo dell'equilibrio può causare un'andatura traballante o far oscillare o cadere la persona quando si alza in piedi. Sono possibili altri sintomi, come:

  • una sensazione di rotazione, cioè di vertigine propriamente detta,
  • cadute o la sensazione di cadere,
  • vertigini, sfocatura, sensazione di fluttuazione,
  • visione offuscata ,
  • confusione o disorientamento.

Questi possono essere associati a nausea e vomito, diarrea, variazioni della frequenza cardiaca e della pressione sanguigna e paura, ansia o panico. I sintomi possono andare e venire per brevi periodi o durare a lungo e possono anche causare affaticamento e depressione.

 

Vertigini e nausea

La presenza di nausea nei disturbi dell'equilibrio è solitamente associata ad un disturbo che causa vere e proprie vertigini (tipicamente legate a malattie dell'orecchio), mentre nelle vertigini semplici il paziente non manifesta né nausea né vomito.

QUANDO CHIAMARE IL MEDICO?

Comporre il 17 o andare al pronto soccorso se si verificano vertigini associate a:

  • un mal di testa improvviso o intenso,
  • vomito persistente,
  • improvvisi cambiamenti nella parola, nella vista o nell'udito
  • andatura instabile o difficoltà a camminare,
  • svenimento,
  • dolore al petto o battito cardiaco irregolare,
  • intorpidimento o debolezza
  • fiato corto,
  • febbre alta,
  • collo molto rigido,
  • ferita alla testa,
  • convulsioni.

Consultare il proprio medico in caso di:

  • capogiri ricorrenti, improvvisi e gravi,
  • episodi prolungati di capogiro, svenimento o capogiro,
  • sensazione di instabilità,
  • sensazione che la stanza ruoti attorno al paziente (vertigini oggettive),
  • cade per vertigini,
  • Visione offuscata,
  • sensazione di disorientamento.

 

PERICOLI associati

Vertigini e vertigini possono aumentare il rischio di cadute e lesioni.

Un attacco mentre si guida un'auto o si utilizzano macchinari pesanti può aumentare la probabilità di un incidente. Ci possono essere anche conseguenze a lungo termine se la condizione di salute sottostante non viene trattata.

 

DIAGNOSI

Diagnosticare la presenza di vertigini è tanto semplice quanto può essere difficile risalire alla causa; se necessario, il medico può suggerire una visita in otorinolaringoiatria (l'otorinolaringoiatria è una specialità medico-chirurgica delle malattie e delle condizioni delle orecchie, del naso e della gola).

L'otorinolaringoiatra può richiedere

  • test dell'udito,
  • analisi del sangue,
  • elettronistagmografia (un test che misura i movimenti dell'occhio e dei suoi muscoli),
  • test di imaging della testa e del cervello.

Un altro possibile esame è la posturografia. In questo esame, ti trovi su una speciale piattaforma mobile di fronte a uno schermo modellato. I medici misurano la risposta del corpo al movimento della piattaforma, ai modelli dello schermo o a entrambi.

 

TRATTAMENTO E TERAPIA

Se il disturbo dell'equilibrio dipende da un'altra condizione di salute o da un altro farmaco, l'obiettivo è trattare la condizione o modificare/ridurre il dosaggio del farmaco.

Se soffri di vertigine parossistica posizionale benigna, il medico può raccomandare una serie di movimenti facili, come la manovra di Epley, che può aiutare a spostare gli otoliti fuori dal canale semicircolare. In molti casi è sufficiente una seduta; in altri saranno necessarie anche più sedute per eliminare il sintomo.

Nel caso della sindrome di Ménière, il medico può suggerire di modificare la dieta e di smettere di fumare se si fuma. I farmaci anti-vertigini o anti-nausea possono alleviare i sintomi, ma possono anche provocare sonnolenza. Possono essere utilizzati altri farmaci, come la gentamicina (un antibiotico) o i corticosteroidi. 

Sebbene la gentamicina possa ridurre i sintomi meglio dei corticosteroidi, a volte provoca una perdita permanente dell'udito. In alcuni casi gravi di sindrome di Ménière, può essere necessario un intervento chirurgico agli organi vestibolari.

Alcune persone con disturbi dell'equilibrio potrebbero non riprendersi completamente e dovranno trovare un modo per coesistere con i sintomi. Un terapista della riabilitazione vestibolare può aiutare a sviluppare un piano di trattamento individualizzato.

Dovresti consultare il tuo medico per scoprire se è sicuro guidare e se ci sono modi per ridurre il rischio di cadute e lesioni durante le attività quotidiane (ad esempio, salire o scendere le scale, usare il bagno, Sport). 

Evitare di camminare al buio può aiutare a ridurre il rischio di lesioni durante i nuovi episodi. Sarà inoltre necessario utilizzare scarpe con tacco basso o, all'esterno, scarpe da passeggio. Se necessario, dovrai utilizzare un bastone o un deambulatore e intervenire sui mobili della casa o dell'ambiente di lavoro, ad esempio aggiungendo dei parapetti.

 

Stile di vita e rimedi casalinghi

Per prevenire l'aggravamento, è utile:

  • evitare movimenti bruschi o cambi di posizione,
  • stai calmo in caso di sintomi,
  • evitando luci intense, televisione e lettura in caso di sintomi,
  • aumenta lentamente la tua attività quando ti senti meglio facendo in modo che qualcuno ti aiuti a camminare nel caso perdi l'equilibrio.

Un episodio acuto e improvviso durante determinate attività può essere pericoloso, quindi è consigliabile attendere una settimana dopo la risoluzione di un episodio grave prima di attività come arrampicarsi, guidare, usare macchinari pesanti; in caso contrario, chiedi al tuo medico.

Vertigini croniche o stordimento possono causare stress, nel qual caso fare scelte di vita sane può aiutarti a tollerare meglio i sintomi:

  • dormire a sufficienza,
  • seguire una dieta sana ed equilibrata non mangiare troppo,
  • se possibile esercitarsi regolarmente,
  • imparare e praticare tecniche di rilassamento, come il rilassamento muscolare progressivo, lo yoga, il tai chi, la meditazione.

 

PREVENZIONE

  1. Evitare bruschi cambi di posizione.
  2. Alzarsi dal letto o da una posizione seduta lentamente e gradualmente.
  3. Evitare movimenti rapidi della testa (soprattutto girandola o girandola).
  4. Nel caso di oggetti posti su ripiani alti, utilizzare una scala ed evitare l'iperestensione del collo.
  5. Smettere di fumare.
  6. Eliminare o ridurre l'uso di sostanze che riducono la circolazione, come tabacco, alcol, caffeina e sale.
  7. Riduci al minimo lo stress ed evita l'esposizione a sostanze a cui sei allergico.
  8. Bevi abbastanza liquidi.
  9. Tratta le infezioni, comprese le infezioni dell'orecchio (otite), il raffreddore, l'influenza, la congestione sinusale (sinusite) e altre infezioni respiratorie.
Aggiungi un commento di Vertigini e vertigini in caso di stanchezza: perché e cosa fare?
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.