Distorsione cervicale: come dormire?

Chi sono io
Martí Micolau
@martimicolau
Autore e riferimenti
Distorsione cervicale: come dormire?



Durante la notte il sonno è disturbato perché non riesci a dormire a causa del dolore al collo? Distorsione cervicale: come dormire?



La zona cervicale, essendo la parte più mobile della nostra colonna vertebrale, è anche la più incline dolore a riposo o al risveglio : questo accade perché mantenendo a postura scorretta per lungo tempo mette in tensione le varie strutture muscolari e articolari, generando disallineamenti.

Anche il mal di testa al risveglio è spesso legato ad un disturbo del sonno legato ad un problema cervicale che genera mal di testa

 

Distorsione cervicale: come dormire con semplici gesti

quando provare dolore al collo , questo campanello d'allarme dovrebbe farti capire che il problema non è tanto il Oreiller / Matelas ma che c'è un problema di rigidità muscolare e vertebrale.



Una cattiva postura durante il giorno, magari davanti a un monitor o piegati sui libri, può creare alterazioni muscolari che influiscono sulla struttura posturale delle diverse vertebre del collo, che se mantengono a lungo posizioni anormali durante il sonno, provocano dolore e rigidità. L'uso di alcuni strumenti per mantenere una posizione corretta durante il lavoro aiuta non solo con il riposo notturno, ma anche con la salute delle vertebre scarse e sovraccariche.

A livello biomeccanico, tuttavia, è anche importante fare una distinzione e chiarire : ciò che ci sembra più comodo dormire non sempre corrisponde ad essere più corretti.  Ecco cosa evitare e cosa fare:

  • cuscino troppo alto: nonostante un maggiore sostegno, la zona cervicale risulta rialzata rispetto al resto dell'asse vertebrale. Ciò comporta l'allungamento dei muscoli nella parte inferiore e l'accorciamento della parte rialzata. Inoltre, questa posizione può anche causare disallineamento con conseguente dolore alle faccette articolari.
  • Cuscino troppo basso: quando il cuscino è posizionato più in basso dell'asse delle vertebre, genera il meccanismo opposto, dove il collo mantiene una posizione "inclinata" per diverse ore con schiacciamento del disco intervertebrale e formazione di un'ernia o protrusione.
  • Cuscino adeguato: la corretta posizione del collo deve essere orizzontale: la percezione che la persona deve avere è quella di avere la zona cervicale né troppo alta né troppo bassa; il cuscino deve sostenere e adattarsi al peso della testa.
  • Cuscino in memory foam, un materiale particolare che si adatta al corpo senza creare tensioni e controresistenza al collo.

 



 

Quali posizioni per dormire scegliere?

Parlare delle posizioni a letto da assumere per il dolore al collo è abbastanza problematico: durante la notte è improbabile che molte persone rimangano nella posizione in cui si addormentano, perché tendono a muoversi e a cambiare atteggiamento.

La posizione peggiore da adottare durante la notte è sicuramente quella a pancia in giù.: In questa posizione il collo è completamente girato per diverse ore: studi scientifici hanno dimostrato che durante la rotazione cervicale fino alla fine del movimento (quindi in posizione sdraiata) esercitano una grande forza tagliando sia le strutture vertebrali che i vasi sanguigni.

Si consiglia piuttosto di dormire di fianco o in decubito dorsale (pancia in alto), l'importante è il buon posizionamento della testa sul cuscino, che vedremo nel prossimo paragrafo.

 

Come posizionare il cuscino?

Il corretto posizionamento del cuscino evita che le vertebre cervicali subiscano le forze di taglio

Dormire e passare molte ore sdraiati con un supporto cervicale improprio è controproducente, anche se si sceglie il miglior cuscino del mondo; per questo motivo è importante comprendere alcuni concetti sul posizionamento sul cuscino.

La sera, oltre alle precauzioni di cui abbiamo già accennato sulle posizioni da evitare, è bene ricordare che non solo la testa, ma la testa e il collo, devono essere appoggiati sul cuscino, fino al livello del le spalle. Infatti, se il collo è posizionato come unico contatto, i muscoli profondi del collo a livello del rachide cervicale superiore vengono comunque messi in tensione (si parla di muscoli sub-occipitale) che potrebbero quindi resistere allo stretching per diverse ore. .



È quindi bene capirlo il cuscino deve essere posizionato correttamente e l'appoggio deve essere su tutta la testa e il collo, fino alla zona delle spalle: in questo modo, il collo è ben sostenuto et i muscoli possono davvero riposare , rimani in una posizione che gli piace e non soffrire.

 

 

Quale materasso scegliere?

Nonostante la zona cervicale sia posizionata sul cuscino, anche la restante parte del corpo merita un'attenzione particolare: se il materasso fornisce al corpo durante il riposo un sostegno errato, anche le altre parti del corpo inizieranno a soffrire di rigidità (questo il materasso che genera rigidità o la rigidità che crea problemi dormendo con il materasso?).


Assicurati di cambiare l'orientamento del materasso almeno una volta al mese , per consentire un cambio di ammortizzazione del materiale rispetto al corpo. Tuttavia, se hai notato che il mal di schiena è diventato insopportabile, potrebbe valere la pena considerare l'acquisto di un nuovo materasso.

Anche qui la scelta ricade sul materiale memory foam, la cui tecnologia accoglie il corpo di chi sta riposando senza creare controspinte.

 

Dolore al risveglio e fisioterapia

Se il tuo risveglio o i tuoi dolori notturni ora sono così problematici e la rigidità muscolare ti rende impaziente, è bene pensare di fare una visita in fisioterapia.

Una corretta inquadratura del problema è fondamentale: ciò che va bene per una persona non va bene per un'altra.

FONDAMENTALE : affidarsi a mani esperte e autorizzate (fisioterapia), evitando massaggiatori, santi o pranoterapeuti che non hanno né le competenze né le autorizzazioni per poter trattare determinati tipi di problematiche.

Dopo la valutazione, il fisioterapista può fare diverse scelte per risolvere il problema. Esistono infatti moltissimi test diagnostici molto validi e scientificamente approvati che permettono di inquadrare adeguatamente l'origine del problema, favorendo così una più rapida risoluzione del disturbo.

Alcune manipolazioni ad alta velocità, a bassa ampiezza: queste manovre sono indolori e ripristinano efficacemente il corretto posizionamento, favorendo anche un'interruzione del doloroso segnale di colpo di frusta

Se invece il problema riguarda alcuni muscoli che rimangono contratti e rilasciano dolore, può essere utile anche avvicinare questi tessuti molli mediante fibrolisi meccanica: questo tipo di approccio terapeutico utilizza degli agganci molto comodi per il paziente, che consentono il rilascio muscolare all'interno le fibre muscolari e liberando immediatamente il paziente dal dolore.

Distorsione cervicale: come dormire? Ora hai tutte le chiavi in ​​mano!

 

Aggiungi un commento di Distorsione cervicale: come dormire?
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.