Oggetti connessi e sonno: una soluzione efficace?

Chi sono io
Judit Llordes
@juditllordes
Autore e riferimenti
Oggetti connessi e sonno: una soluzione efficace?




Gli oggetti connessi fanno parte della nostra vita quotidiana ormai da diversi anni. Svolgono un ruolo di supporto, monitoraggio e prevenzione per aiutarci a prenderci cura della nostra salute. Oggi molte startup stanno affrontando i disturbi del sonno, un flagello della nostra società moderna! Una moltitudine di oggetti connessi hanno quindi la missione di aiutarci a dormire meglio. Ma è davvero utile? Facciamo il punto per te.


 

Addormentarsi: una nuova sfida!

Trascorriamo quasi un terzo della nostra vita dormendo. È assodato che un sonno di qualità è essenziale per recuperare e mantenere la nostra salute, sia psicologicamente che fisiologicamente.


Tuttavia, la frequenza dei disturbi del sonno colpisce una parte sempre più ampia della popolazione. Difficoltà ad addormentarsi, risvegli notturni, stanchezza appena sveglia… Per molti di noi, dormire bene è diventata una vera sfida. Alcune figure edificanti:


  • In media, i francesi dormono meno di 7 ore a notte (durata minima consigliata per un buon recupero).
  • 1/3 dei francesi soffre di disturbi del sonno.
  • Il 13,9% della popolazione francese soffre di insonnia cronica.

Stress sul lavoro, fastidi legati alla vita personale, problemi di salute... Di fronte a un ritmo frenetico della vita, alcuni sono tentati di sgranocchiare la notte per avere il tempo di gestire tutto. Altri, anche se esausti, non riescono a dormire perché troppo presi dalle preoccupazioni della vita quotidiana.

Fino ad allora le soluzioni per dormire non danno proprio soddisfazioni. Si pensi anzitutto ai sonniferi: questi farmaci disponibili solo su prescrizione facilitano sicuramente l'addormentamento, ma non consentono un sonno ristoratore e provocano molti effetti collaterali. Ci sono poi trattamenti naturali disponibili senza prescrizione medica (a base di piante, vitamine o ormoni come la melatonina), ma hanno effetto solo sui lievi disturbi del sonno.

Alla fine, il più efficace è sicuramente aumentare il comfort: materasso memory, cuscino ergonomico, mascherina per dormire...

 

Oggetti connessi: una nuova soluzione per dormire meglio?

Tuttavia, le conseguenze di uno scarso sonno per la salute non sono da prendere alla leggera: ridotta produttività e vigilanza, irritabilità e disturbi dell'umore, sovrappeso e obesità, disturbi digestivi, aumento del rischio di malattie gravi. : diabete, tumori, malattie cardiovascolari... Lotta contro queste disordini è quindi una vera sfida, per la quale esistono poche soluzioni.


In questo senso, gli oggetti connessi rappresentano una delle principali speranze della scienza per risolvere i disturbi del sonno.

Oggi molte start-up stanno sviluppando strumenti per aiutarci a migliorare la qualità del nostro sonno. Orologi connessi per ottimizzare le nostre notti, sveglia con simulatore di luce naturale, materasso connesso che analizza i nostri movimenti, cuscino riscaldato... Una varietà di prodotti a prezzi convenienti per aiutarci a cambiare il nostro stile di vita.


Anche se al momento non esiste un oggetto efficace contro tutti i problemi del sonno, alcuni sono molto promettenti e possono già migliorare alcuni aspetti necessari per un sonno di qualità.

 

Esempi di oggetti connessi per dormire meglio

Moona: il cuscino intelligente

Uno strumento sviluppato da 2 persone che soffrono di disturbi del sonno, in collaborazione con i medici. Moona, agisce sulla temperatura del cuscino: regola attivamente la temperatura corporea per aiutare le persone ad addormentarsi più velocemente e ad ottenere un sonno più profondo.

Una scatola di controllo fa circolare continuamente l'acqua attraverso il cuscino per mantenerla alla temperatura scelta. Un'applicazione mobile ti consente di scegliere la temperatura più adatta a te e di capire il tuo sonno. Risultati? Un sonno profondo e una notte serena.

 

Il parere degli operatori sanitari

C'è un legame tra la temperatura (quella del nostro corpo così come quella del nostro ambiente) e la qualità del sonno. Lo dimostrano diversi studi, in particolare quello dell'Istituto Nazionale del Sonno e della Vigilanza: “Sonno… e luce” in cui il dott. Alain Muzet (Dottore in Medicina e Direttore della Ricerca al CNRS) conferma che “le condizioni termiche rischiano di alterare o disturbare il normale flusso del sonno”.


Tra le persone intervistate, il 43% afferma di essere turbato dalla temperatura quando si addormenta, di cui il 20% che è molto infastidito e il 42% ritiene che la temperatura potrebbe svegliarli. La temperatura corporea è in media di 37° e oscilla durante il giorno. Per poter addormentarci, la nostra temperatura corporea deve scendere tra 1 e 1,5°C.


Il cuscino Moona svolge proprio questo ruolo e durante la notte abbasserà gradualmente la temperatura corporea consentendo così un sonno profondo e ristoratore. Al risveglio, Moona, al contrario, si riscalderà a poco a poco. 

 

La sveglia del simulatore dell'alba

Progettata per il trattamento di lievi disturbi del sonno, questo tipo di sveglia connessa si trova sul comodino e si prende cura di tutto! In genere offrono diverse opzioni di sveglia: simulatore di alba, suoni della natura, radio... Per il simulatore di alba, programmalo e si spegnerà tra 2 e 60 minuti prima del risveglio. La luce si intensifica gradualmente per un dolce risveglio immerso nella luce naturale.

 

Il parere degli operatori sanitari

La luce è uno dei principali sincronizzatori del nostro orologio biologico. In passato ci addormentavamo e ci svegliavamo naturalmente dopo il tramonto e l'alba. Secondo Claude Gronfier, dottore in neuroscienze e cronobiologo all'INSERM: "i sistemi che consentono un'illuminazione progressiva e naturale prima dell'ora del risveglio, forniscono alla grande maggioranza degli utenti (dal 40% al 60% a seconda degli studi), un migliore senso di veglia e regolazione dell'orologio biologico. Nelle persone che hanno difficoltà ad emergere al mattino, può essere utile utilizzare sistemi di questo tipo. »

Per scegliere il giusto simulatore di alba, è importante verificare che il prodotto abbia la certificazione medica CE e che sia stato sottoposto a test clinici che gli consentano di essere riconosciuto come prodotto medico certificato.

Aggiungi un commento di Oggetti connessi e sonno: una soluzione efficace?
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.