Sonno polifasico: cos'è e come funziona?

Chi sono io
Joel Fulleda
@joelfulleda
Autore e riferimenti
Sonno polifasico: cos'è e come funziona?




Sonno, sia monofasico che sonno polifasico è essenziale per molte funzioni come la memoria e la cognizione. Il sonno insufficiente colpisce seriamente il tuo corpo.


Ma il motivo per cui dormiamo e gli effetti esatti che la privazione del sonno può avere sulla nostra salute rimangono poco compresi dalla scienza.

Questa mancanza di conoscenza, tuttavia, non ha impedito alle persone di sperimentare diversi modelli di sonno, noti come "sonno polifasico". L'idea è di ridurre il tempo totale trascorso ad occhi chiusi - dopotutto, tutti si sono lamentati così tanto di quello che devono fare e del tempo che passa troppo in fretta.


 

Tipi di sonno: sonno polifasico, bifasico e monofasico

Tutti sanno che il sonno in una fase è uno dei problemi più comuni nella società: dormiamo solo una volta al giorno, di solito di notte.


Il sonno bifasico mantiene anche la maggior parte del sonno notturno, con alcuni sonnellini diurni.

Il sonno polifasico, d'altra parte, è un modello alternativo in cui è possibile ridurre la quantità di tempo trascorso a riposo (da otto ore ordinarie ad almeno due ore al giorno) senza danneggiare la salute. Questo obiettivo è solitamente raggiunto da separare il sonno in diversi momenti della giornata.

 

Esistono diversi tipi di sonno polifasico, tra cui:

" Ogni uomo ": consiste in un blocco del sonno più lungo e tre sonnellini al giorno. Il termine è talvolta usato per descrivere un periodo di sonno accidentale più lungo, che alla fine si verifica per le persone che subiscono un adattamento del metodo Uberman.

"Dymaxion": Creata da Buckminster Fuller, questa dieta consiste in periodi di 30 minuti di sonno ogni sei ore.

«Uberman» è il tipo più rigido e conosciuto di sonno polifasico. Consiste in sei sonnellini di 20 minuti al giorno. Secondo il neurologo Claudio Stampi, fondatore del Chronobiology Research Institute di Boston, il sonno polifasico funziona meglio quando non viene svolto in momenti difficili, cioè la persona dorme quando pensa che sia il momento buono, ma non deve superare il limite. 20 minuti, o stai dormendo più profondamente e sta diventando sempre più difficile svegliarsi.


 

sonno polifasico

Stampi, uno specialista del sonno, ha spiegato nel suo libro del 1992 "Why We Nap: Evolution, Chronobiology, and Functions of Polyphasic and Ultrashort Sleep" che gli esseri umani possono adattarsi facilmente alla programmazione polifasica - ci vuole forza di volontà, ma tutti devono riuscire.


Molti animali sono polifasici e potrebbero esserlo anche i nostri antenati cacciatori-raccoglitori. In effetti, un modello di sonno segmentato era comune di recente nel 18° secolo: a quel tempo, le persone spesso dormivano per quattro ore e si svegliavano per un'ora o due prima di tornare a letto per altre quattro ore. Mentre erano svegli di notte, le persone fumavano, facevano sesso e visitavano persino i loro vicini.

 

Perché abbiamo bisogno di dormire nell'oscurità totale?

È stato l'avvento dell'illuminazione notturna che ci ha permesso di lavorare più a lungo, quindi le persone si adattano per andare a letto subito, cioè dormire in una fase dell'odierna odierna.

 

Cosa fa alla mente il sonno polifasico

Alcuni decenni fa, Stampi ha condotto uno studio per determinare cosa succede al cervello in tali circostanze. Usando sonde elettriche attaccate al cranio di un partecipante volontario, Stampi ha confrontato l'equilibrio tra i cicli del sonno normale e polifasico.

Il sonno monofasico è diviso in tre fasi. Il primo è il sonno leggero costituito da onde theta rapide. Il secondo è il sonno profondo, caratterizzato da lente onde delta. L'ultima fase è quando sogniamo, nota come sonno REM.

Durante una notte di sonno, queste tre fasi si ripetono ciclicamente per 90-200 minuti. Il partecipante allo studio, facendo sei sonnellini di 30 minuti al giorno, sembrava aver "tagliato" queste fasi per adattarsi ai loro brevi sonnellini. In alcuni casi era nel primo o nel secondo stadio del sonno e in altri ha sperimentato la REM.


 


Come dormire meglio ogni notte e aver bisogno di meno sonno

Tra le tre fasi, conosciamo meglio il ruolo del sonno REM. Si crede che sia la chiave per imparare e formare ricordi. Le persone che imparano qualcosa e sono private del sonno REM non riescono a ricordare cosa hanno imparato in seguito. Stampi ha osservato che le diverse fasi sono state vissute nelle stesse proporzioni durante il sonno monofasico e il sonno polifasico, indicando che tutte le fasi sono importanti.

 

Nuove scoperte

Stampi è uno dei principali ricercatori sul sonno polifasico e sembra aver dimostrato che non è dannoso per la salute, ma alcuni recenti risultati suggeriscono che rimanere assonnati per così tanto tempo potrebbe non essere saggio.

 

È possibile morire di sonno?

Akshat Rathi era una volontaria che ha deciso di sperimentare il sonno polifasico per se stessa. Sebbene il risultato sia generalmente positivo, afferma che non lo rifarebbe.

L'importanza del sonno: meno dormi, più aumenta l'età cerebrale

“Forse se trovassi abbastanza motivazione [lo rifarei]. Ma non più di pochi mesi, perché lo scopo biologico del sonno è diventato evidente solo negli ultimi anni", ha detto.

“Ogni cellula del nostro corpo ha bisogno di nutrienti e produce rifiuti. I vasi sanguigni forniscono questi nutrienti in tutto il corpo e i vasi linfatici raccolgono i rifiuti da tutte le parti del corpo tranne il cervello. Studi recenti hanno dimostrato che questi residui cerebrali vengono rimossi dal liquido cerebrospinale, che agisce come il sistema linfatico, ma svolge il lavoro in modo più efficiente negli spazi ristretti del cranio. La cosa più importante, tuttavia, è che questa pulizia avvenga solo durante il sonno", spiega Rathi.

Akshat Rathi era una studentessa di dottorato nel laboratorio di chimica dell'Università di Oxford (Regno Unito) quando decise che aveva bisogno di più tempo. Quindi era pronta a sperimentare gli schemi sonori polifase e vedere se avrebbero aiutato ad aumentare la sua produttività.

Rathi si stava prendendo cura smettere di bere tè, caffè e alcol, sostanze che influiscono sul sonno. Ha anche cercato posti dove fare un pisolino in sicurezza durante il giorno. Ha iniziato l'esperimento con la sua amica Alex secondo il programma Dymaxion (pisolini di 30 minuti ogni sei ore).

I problemi sono iniziati dopo 36 ore. “Ho trovato difficile rimanere sveglio la notte e Alex non riusciva a svegliarmi dopo un pisolino. Eravamo consapevoli delle difficoltà, ma non della gravità della privazione del sonno. Alex era di nuovo monofase, ma ero determinato a farlo funzionare. Quindi sono passato a un programma di sonno più semplice: Everyman, dove dormivo 3,5 ore di notte e facevo tre sonnellini di 20 minuti durante il giorno. "dice Rathi.

Dopo tre settimane e alcuni ostacoli aggiuntivi, il dottorando si è finalmente adattato al nuovo programma. Con un totale di 4,5 ore di sonno, poco più della metà delle sue ore di sonno, Rathi ha sfruttato al massimo il suo tempo extra: ha terminato la sua tesi, l'ha difesa con successo, ha avuto la possibilità di godere dei benefici dell'Università di Oxford senza sacrificare il tempo in il laboratorio e ha anche esplorato altre opzioni di carriera, che alla fine lo hanno portato a diventare un giornalista.

 

Quali vantaggi?

Rathi ha riscontrato molti benefici nel sonno polifasico. Si è svegliata completamente riposata dopo il pisolino, quindi aveva recuperato energia quattro volte al giorno invece di una sola.

Lo ha notato anche leisognava almeno uno o due dei suoi sonnellini quotidiani, un segno del sonno REM. Ciò significava che probabilmente sarebbe andata direttamente all'ultima fase del sonno monofase durante un breve pisolino. A volte questi sogni erano lucidi (nel senso che poteva controllarli).

Ma non tutto era roseo. “La parte più difficile dopo le prime tre settimane di adattamento al programma è stata mantenere la socializzazione. Il mondo è in una fase e gli studenti amano l'alcol. A volte evitavo gli eventi se si adattavano al mio programma o spesso me ne andavo presto in modo da poter continuare a vivere la mia vita polifasica", dice.

Con sorpresa di molti, Rathi è riuscita a mantenere questo schema per oltre un anno.

 

Conclusione

Rathi dice che la sua esperienza le ha fatto capire l'enorme importanza del sonno. Inoltre, fino a quando uno studio scientifico non dimostrerà che un modello di sonno polifasico non influisce su questo sistema di eliminazione delle scorie cerebrali, dice che non si addormenterà più in quel modo. “Ma non rimpiango l'esperienza che ho avuto, alimentata dal mio spirito giovane”, conclude.

Aggiungi un commento di Sonno polifasico: cos'è e come funziona?
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.