Dormire 6 ore a notte: basta?

Chi sono io
Pau Monfort
@paumonfort
Autore e riferimenti
Dormire 6 ore a notte: basta?



Nell'estate del 2015, il New Yorker ha pubblicato una serie di articoli sul sonno, citando studi scientifici e ricerche secondo cui le persone dormono sempre meno e aggiungendo nuovo materiale a un dibattito che vede i fautori del sonno classico di otto ore notevolmente separati da quelli che dormono meno. Di solito, i sostenitori di 6 ore di sonno a notte credono che questo tempo di sonno sia necessario per recuperare energia, ma la teoria si scontra con i moderni studi scientifici.



 

Dormire 6 ore a notte: cosa dice la scienza?

Secondo una ricerca condotta nel 2003 presso la University of Pennsylvania Medical School di Philadelphia (USA), sei ore di sonno al giorno non sono sufficienti e in alcuni casi equivalgono a non dormire affatto. Lo studio ha coinvolto 48 volontari che sono stati assegnati dormire per un massimo di quattro, sei o otto ore a notte per due settimane. I ricercatori hanno anche chiesto a un gruppo di partecipanti di non dormire affatto per tre giorni consecutivi, in modo da confrontare il loro livello di fatica con quello degli altri volontari.



L'esperimento è stato condotto in laboratorio, al fine di tenere sotto controllo quante più variabili possibili, e naturalmente il comportamento dei volontari, che ogni due ore si svegliavano con diversi tipi di test per valutare le proprie capacità cognitive in relazione al numero ore di sonno. A ogni partecipante è stato chiesto di descrivere il proprio umore e sintomi insoliti, se presenti. Alcuni risultati della ricerca hanno confermato le ipotesi iniziali dei ricercatori, altri sono stati più sorprendenti.

Il gruppo di otto ore di sonno al giorno è colui che ha fatto meglio, ottenendo una media più alta in tutti i test effettuati per verificare il grado di reattività e concentrazione. I volontari a cui è stato chiesto di dormire solo quattro ore per notte hanno ottenuto risultati molto scarsi, mentre quelli che hanno dovuto dormire 6 ore per notte hanno ottenuto risultati positivi, ma solo durante i primi dieci giorni dell'esperimento. Negli ultimi giorni i test cognitivi sui volontari che hanno dormito 6 ore sono stati molto negativi e paragonabili a quelle del gruppo a cui era stato chiesto di non dormire per tre giorni consecutivi. Il calo delle prestazioni cognitive si è verificato anche per il gruppo del sonno di quattro ore, ma come previsto, si è verificato prima.

I ricercatori hanno anche notato che i membri del gruppo di sei ore tendevano a sottovalutare il loro livello di affaticamento, nonostante i test cognitivi indicassero un calo significativo della loro capacità di concentrazione e di svolgere determinati compiti. Mentre i volontari a cui è stato chiesto di non dormire per tre giorni hanno riferito di a aumento dei livelli di affaticamento, fino al doppio rispetto all'inizio del test, quelli del gruppo che hanno dovuto dormire 6 ore per notte non hanno indicato un aumento di un livello di affaticamento, sebbene i test abbiano indicato prestazioni paragonabili a quelle delle persone che non avevano dormito completamente. Insomma, chi dormiva sei ore a notte a un certo punto era stanco e non vigile come chi non aveva dormito per niente ma non se ne era accorto:



Come ricordano da Fast Company, la ricerca di Filadelfia sembra confermare una caratteristica scoperta in altri studi: ognuno di noi tende a sovrastimare il numero di ore trascorse dormendo. Uno studio del 2008 ha rilevato che la maggior parte delle persone è sicura, in media, di aver dormito 48 minuti in più rispetto a prima. Lo hanno anche notato i ricercatori per ogni ora di sonno oltre le prime sei, la maggior parte delle persone tendeva a sovrastimare il tempo trascorso a letto di almeno mezz'ora. Ciò significa che molte persone convinte a dormire sette ore per notte in realtà non superano le sei ore. Le cause possono essere molte e includere andare a letto più tardi del previsto, sopprimere inconsciamente il ritardo, impiegare molto tempo per addormentarsi o avere molti risvegli notturni.

 

 

Cosa concludere?

Altri studi hanno esaminato la privazione parziale del sonno a lungo termine, ma i risultati dello studio di Filadelfia sottolineano più fortemente di altri la rilevanza del fenomeno. Il problema più grande è legato alla percezione di ognuno di sentirsi riposati, anche se in realtà non è a causa delle poche ore di sonno, con una conseguente riduzione delle capacità cognitive. Una stanchezza di questo tipo può essere pericolosa, soprattutto se stai facendo lavori dove sono necessari buoni riflessi o la capacità di mantenere la concentrazione a lungo.


Gli studi sul sonno sono innumerevoli e negli ultimi anni si è discusso molto, nella comunità scientifica e non solo, sul numero ideale di ore di sonno ogni giorno per mantenersi in forma e riposati. Molti studi indicano un valore medio di circa 8 ore, ma altri studi suggeriscono che 7 è sufficiente. In realtà un dato medio non offre molte informazioni: ognuno ha il proprio ritmo e dorme in modo diverso.


Negli anni il consiglio di medici ed esperti per un miglior riposo è rimasto sostanzialmente invariato, ed è spesso legato al buon senso più che altro: andare a dormire sempre alla stessa ora, non utilizzare dispositivi elettronici con schermi luminosi entro mezzo un'ora prima di andare a letto, dormire in una stanza buia, tranquilla e fresca evitando l'uso di alcol che provoca sonnolenza ma non aiuta a riposare, non mangiare cibi pesanti alcolici prima di coricarsi, fare esercizio regolarmente e pensare a cose piacevoli prima di andare a dormire dormire.

Aggiungi un commento di Dormire 6 ore a notte: basta?
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.